Max Kurzweil ed il Secessionismo Viennese

Max Kurzweil fu un pittore austriaco che insieme a Gustam Klimt, rivoluzionarono l’arte pittorica accademica della fine dell’Ottocento, rientrando a far parte di quel gruppo di artisti che in Austria si proclamarono movimento secessionista viennese, ma noto in tutto il mondo come Art Nouveau. Nelle sue opere si riconoscono elementi di diversi stili pittorici, tra cui anche l’impressionismo, simbolismo, ed espressionismo.

Max Kurzweil - Una passeggiata nel giardino (1896)
Max Kurzweil – Una passeggiata nel giardino (1896)

Maximilian Franz Viktor Zdenko Marie Kurzweil, meglio noto come Max Kurzweil, nacque a Bisenz, in Moravia, nel 1867. Trasferitosi a Vienna in giovane età, non ebbe problematiche economiche grazie al buon stato finanziario della sua famiglia. Non ebbe quindi problemi a dedicarsi alla carriera artistica. Dopo gli studi a Vienna, frequentò nel 1892 l’Accademia Julian di Parigi trasferendosi nella capitale francese, da sempre capitale dell’arte europea. Pittore di talento già ebbe modo di esporre il suo primo dipinto al Salon del 1894.

Max Kurzweil - Mira Bauer (1908)
Max Kurzweil – Una passeggiata nel giardino (1896)

Nel suo periodo parigino, Kurzweil ebbe modo di trascorrere nel 1894 il periodo estivo nel porto bretone di Concarneau, dove ebbe modo di conoscere la sua futura compagna. In Bretagna, spese il suo tempo nel dipingere scene di vita rurale, dove ebbe modo di realizzare molte opere fondendo diversi elementi stilistici tra di loro, come naturalismo, simbolismo ed impressionismo.

Max Kurzweil - Lo stagno (Concarneau)
Max Kurzweil – Lo stagno (Concarneau)

Nel 1897, Max Kurzweil divenne il cofondatore della Vienna Secession, un’associazione di 19 artisti che decisero di separarsi dall’Accademia di Belle Arti di Vienna, per formare un gruppo autonomo con nuovi propositi artistici ed una propria sede: il Palazzo della Secessione Viennese, da cui ha preso il nome. Questo movimento, come molti altri che si formarono nello stesso periodo in tutta Europa, ebbero tutti un denominatore comune, il recupero della tradizione artistica utilizzando nuove tecniche e materiali, conosciuto oggi come Art Nouveau.

Max Kurzweil - Dama in giallo (1899)
Max Kurzweil – Dama in giallo (1899)

Max Kurzweil collaborò enormemente alla diffusione di questo movimento, grazie alla rivista secessionista Ver Sacrum, di cui fu editore ed illustratore. Kurzweil ricoprì successivamente anche il ruolo di professore alla Wiener Frauenakademie, una scuola d’arte frequentata esclusivamente da donne. Nel 1905 ricette il premio Villa Romana.

Max Kurzweil - Il pescatore (1900)
Max Kurzweil – Il pescatore (1900)

Purtroppo la produzione artistica di Kurzweil non fu molto estesa, in parte dovute ad eventi privati che aggravati da una forma di depressione lo portarono al suicidio nel 1916 insieme alla sua studentessa ed amante, Helene Heger. Infatti nel suo ultimi periodi di produzione, realizzò molte opere di nudi e ritratti femminili che già trasparivano in parte alcune problematiche dell’autore, con eccessi di passione e depressione. L’esperienza e gli orrori della Prima Guerra Mondiale non fecero che peggiorare questa situazione, portandolo poi a pianificare il suicidio.

Max Kurzweil - Disperazione
Max Kurzweil – Disperazione