Antonio Donghi ed il Realismo Magico

Antonio Donghi ed il Realismo magico

al punto che molte delle sue opere hanno raggiunto in recenti aste con cifre da capogiro, Antonio Donghi è uno degli esponenti principali di quella corrente artistica definita il Realismo magico. Questa corrente artistica, principalmente italiana, si sviluppò nel ventennio compreso tra i due conflitti mondiali, e anche se oggi poco nota ai molti, vale la pena riprenderla in esame, grazie alle opere di questo artista.

Fano - la Porta augustea sulla Flaminia

Fano, da Augusto ai Malatesta

L’antica Fanum Fortunae era già presente quando Giulio Cesare attraversò il Rubicone pronunciando la frase “alea iacta est”. Infatti si trattava di un centro abitato di origini italiche, che si era sviluppato, molto probabilmente, intorno ad un tempio della Fortuna. Fano però si potè considerare una vera e propria città durante il periodo dell’imperatore Augusto, divenendo la Colonia Julia Fanestris, con un’estensione urbana considerevole che comprendeva diverse strade (carde che decumani). Lo stesso Augusto dotò Fano di una cinta muraria dotata di un sistema di torrioni.

Nettuno - Borgo Medievale

Nettuno ed il Borgo Medievale

Lungo la costa laziale, a sud di Roma vi è Nettuno, un antico porto e borgo medievale legato alla figura del dio dei mari. Il suo centro storico è racchiuso all’interno di mura e torri che si affacciano sul mare erette durante il medioevo per difendersi dalle scorrerie. Le sue viette e piazzette sono piene di locali notturni dove trascorrere un’allegra serata circondato da edifici storici.

Alfred Sisley - La barque pendant l'inondation, Port-Marly (1876)

Alfred Sisley, l’impressionista del paesaggio francese

Sebbene inglese, il pittore Alfred Sisley nacque, visse e morì in Francia. Considerato ormai un pittore francese, Sisley legò fortemente il suo nome alla pittura impressionista, essendo uno tra i primi fondatori di questa nuovo stile pittorico. Le opere di questo pittore si sono sempre concentrate sul paesaggio, in particolare quello della campagna della Francia settentrionale, lasciandoci in eredità uno splendido occhio sulle luci e sui colori delle atmosfere rurali di fine Ottocento.

Toledo - centro storico

Toledo, l’antica capitale di Spagna

Toledo fu la capitale della Spagna per molti secoli, prima dell’odierna Madrid. Situata su una collina sopra la valle del fiume Tago, l’antica città è meta ogni giorno di migliaia di turisti in cerca di luoghi pittoreschi dove rivivere lo spirito e la storia della vecchia Spagna.

Parma - Piazza del Duomo

Parma, l’antica capitale del Ducato di Parma e Piacenza

Parma, città dell’Emilia, mostra fiera ancora oggi i suoi tratti di antica capitale del Ducato di Parma e Piacenza, che dal 1545 fino all’Unità d’Italia (1859) la contraddistinguevano come luogo di classe e di gusto per le arti e la cultura, non di meno quella gastronomica. Infatti a fianco della ricchezza artistica e monumentale, sono legati alla città prodotti come il Prosciutto di Parma ed il formaggio Parmigiano Reggiano, che l’hanno resa nota in tutto il mondo, facendole guadagnare nel 2015 il riconoscimento UNESCO di Città Creativa per la Gastronomia.

James Ensor - L'intrigo (1890)

James Ensor, le maschere e gli scheletri, tra simbolismo ed espressionismo

Tra i pittori belga più rappresentativi di fine Ottocento, vi è James Ensor, che grazie alla sua lunga carriera artistica, ci ha lasciato moltissime opere, maturando dentro di sé una lenta evoluzione di stili. Partendo da elementi classici naturalistici fiamminghi con i loro colori tenui e scuri e fondendoli con le innovazioni dell’impressionismo ormai quasi giunto al suo termine espressivo, questo artista è passato attraverso il Simbolismo per maturare definitivamente nell’Espressionismo.

Palestrina - Santuario della Fortuna Primigenia

Palestrina ed il Santuario della Fortuna Primigenia

A pochi chilometri da Roma, percorrendo la via consolare Prenestina si giunge a Palestrina, una città non nota ai soliti giri turistici, ma che riserva alcune ricchezze storiche d’eccezione. L’antica Praeneste era infatti già un importantissimo centro in età preromana e a testimonianza di ciò, la città si sviluppa intorno ad un’antichissimo santuario già frequentato in epoca ellenistica, il Santuario della Fortuna Primigenia. Altri edifici storici di epoca medievale, tutti edificati su precedenti strutture romane, arricchiscono il suo centro storico, meritandosi certamente una passeggiata esplorativa lungo le sue caratteristiche vie.

Bolzano - Piazza Walther Von der Vogelweide

Il centro storico di Bolzano, l’immagine di una città sorta dal nulla nel XII secolo

L’origine di Bolzano risale alla fine del XII secolo d.C., quando si fondò nel territorio compreso tra i fiumi Isarco e Talvera, un piccolo borgo a scopi mercantili, su volere del vescovo tridentino. Il borgo consisteva in una stretta via su cui si ergevano in entrambe i lati degli edifici stretti ed alti con un portico al piano terra che affiancava tutta la strada e su cui si affacciavano le botteghe. Molte volte distrutto da incendi, di questo borgo ce se ne può fare un’idea percorrendo la via dei Portici (Laubengasse).

Tamara de Lempicka - Ragazza in verde (1927-1930)

Tamara de Lempicka, la diva dell’Art Déco

La pittrice polacca Tamara de Lempicka anche se inquadrata nello stile Art Déco, sviluppò il suo stile artistico in gran parte autonomamente e spesso fu il suo stile di vita “da diva” ad accompagnare il successo delle sue opere. Rimane però una delle figure femminili artistiche più importanti della prima metà del Novecento e le sue opere rispecchiano appieno il gusto di una nobiltà “borghese” che fece ponte tra le due grandi guerre.