Il Castello Visconteo di Pavia

Il Castello Visconteo di Pavia

Ai margini del centro storico di Pavia, sorge il Castello Visconteo, un capolavoro architettonico testimonianza del potere e del prestigio delle antiche Signorie italiane. Questo castello, più residenza prestigiosa che una vera e propria fortezza, è una splendida eredità che va ad arricchire il già vasto patrimonio architettonico della città di Pavia.

Segovia - acquedotto romano 2

Segovia e l’acquedotto Romano

In cima ad un largo sperone roccioso delimitato da due fiumi, sorge la città di Segovia. Antica città romana, ne conserva ancora dopo duemila anni le fattezze, grazie soprattutto al suo famoso acquedotto che attira ogni giorno centinaia di turisti.

Terramara di Montale - ricostruzione del villaggio

La civiltà delle Terramare della Pianura Padana a Montale

A Montale, un piccolo centro abitato nei pressi di Modena vi è la ricostruzione di una Terramara, un villaggio fortificato risalente all’età del bronzo e caratteristico di una civiltà che popolava la Pianura Padana prima dell’avvento dei Celti. Un piccolo pezzo di storia poco considerato che solo oggi viene rivalutato. Scavi archeologici hanno infatti accertato che proprio nel centro storico di Montale, proprio dove sorge la chiesa di San Michele Arcangelo vi era una Terramara.

Bari - la cattedrale di San Sabino

Bari – La Cattedrale di San Sabino ed il suo stile romanico recuperato

Tutti quanti conoscono la Basilica di San Nicola a Bari, ma pochi sanno che non è la cattedrale della città. Esiste un’altra chiesa nella parte settentrionale altrettanto maestosa e di notevole interesse architettonico, la Cattedrale di San Sabino. In pieno stile romanico pugliese, il suo aspetto solenne è il frutto di un lavoro recente risalente agli anni Cinquanta, in cui tutti i rimaneggiamenti barocchi furono eliminati sia dalla facciata che all’interno, ripristinando il suo splendore originale.

Bari - le mura del Castello Svevo

Bari – Il Castello Svevo

Subito poco a nord dal centro di Bari, immerso nel complesso urbano della città, si trova il Castello Svevo di Bari, la cui costruzione viene attribuita a Ruggiero il Normanno nel 1131. Da antichi resti ritrovati si è potuto stabilire che il castello fu eretto su quello fu un quartiere di epoca bizantina.

Gaeta - Panorama della parte più antica

Gaeta, dagli ipata del ducato al Regno di Napoli, mille anni di storia nei suoi monumenti

Al confine tra il Lazio e la Campania vi è Gaeta, una città di antichissime origini che ha sempre giocato un ruolo storico importante come centro portuale di commerci marittimi e come base militare. Il suo centro storico, situato sulla punta più estrema del promontorio, è circondato su 3 lati dal mare e separato dalla terraferma da uno stretto istmo. Ricco di monumenti storici si può visitare risalendo una ad una tutte le viuzze che dal porto si inerpicano in alto fino a raggiungere il Castello Angioino-Aragonese posto in sommità, da cui è possibile osservare un paesaggio meraviglioso.

Roma - La bocca della verità

La Bocca della Verità e la Basilica di Santa Maria in Cosmedin

In prossimità del Foro Boario, a poca distanza dal Tevere sorge una piccola e antichissima chiesa, la Basilica di Santa Maria in Cosmedin. Davanti a questa chiesa si trova sempre una fila lunghissima di turisti, tanto da far quasi invidia ai Musei Vaticani. La ragione di questo è che nel pronao antistante vi è custodita la Bocca della Verità, una scultura raffigurante un volto con un foro nella bocca, in cui è tradizione infilare la mano e dire la verità per evitare di averla mozzata! Oltre al fascino della tradizione, vale una visita anche alla basilica che la ospita, una chiesa risalente all’VIII secolo. Una meta immancabile per chi visita la capitale eterna.

Pierre-Auguste-Renoir-Ballo-al-Mouline-de-la-Galette-1876-1

Renoir e l’impressionismo, il divertimento nel dipingere le gioie della vita

Tra i più celebri e meritevoli esponenti dell’impressionismo vi è Pierre-Auguste Renoir. Il suo stile inconfondibile, il modo di utilizzare il pennello con i suoi tratti rapidi, sottili, quasi “sensibili” che via via vanno a concepire un soggetto, rappresentandolo privo di tratti, sono tutti aspetti con cui oggi si concepisce la maniera tipica di dipingere nell’impressionismo.