Montepulciano - Piazza Grande

Montepulciano terra di confine tra Siena e Firenze

Situato al confine tra la Valdorcia e la Valdichiana vi è l’antico borgo medievale di Montepulciano, oggi uno tra i centri più visitati della Toscana. Oltre che per i suoi edifici medievali, Montepulciano è famosa anche per i suoi vini rossi, amati ed apprezzati non solo in Italia, ma anche da molti stranieri, tra cui il Vino Nobile di Montepulciano. Bellissime infatti da visitare le secolari cantine che si estendono nei sotterranei della città.

Montepulciano - Pozzo dei Grifi e dei Leoni in Piazza Grande
Pozzo dei Grifi e dei Leoni

Storia di Montepulciano

Il borgo di Montepulciano si trova sulla cima di un colle da cui domina sulle vallate circostanti. Certamente fu città etrusca anche se la prima notizia certa della sua esistenza si ha in un documento del 715 con il nome latino di Mons Politianus. L’aspetto urbano odierno di matrice prettamente medievale, che caratterizza in gran parte il centro storico, si deve al XIII secolo. In questo periodo Montepulciano si trovava nella zona di confine tra i territori sotto il dominio di Siena ed i territorio sotto il dominio di Firenze. Chi avesse dominato Montepulciano avrebbe avuto modo di controllare il passaggio tra la Valdichiana e la Valdorcia.

Montepulciano - Panoramica sulla Valdorcia
Panoramica dalla città sulla Valdorcia

Gli interessi delle due città sfociarono in diversi conflitti che portarono nel 1232 alla presa di possesso di Montepulciano da parte dei senesi. Questi come prima cosa rasero al suolo le mura cittadine, chiudendo in questo modo ogni progetto di Montepulciano di un possibile ritorno all’indipendenza.

Montepulciano - Porta delle Farine
Porta delle Farine sulle antiche mura

Nei successivi tre secoli, la sua posizione di confine tra i territori di Firenze e di Siena risultò comunque un fattore a suo vantaggio. Infatti Montepulciano dapprima contesa, divenne poi anche un territorio di scambi commerciali tra le due città, incrementandone notevolmente la ricchezza. Si svilupparono così molte attività manifatturiere e la crescita di una ricca classe di mercanti, fattori che incentivarono lo sviluppo urbano.

Montepulciano - Piazza Grande
Piazza Grande

Ancora oggi si possono individuare gli importanti ruoli svolti dalle diverse zone che compongono il borgo di Montepulciano e che ne caratterizzarono lo sviluppo. Piazza Grande fu il polo rappresentativo ed istituzionale della città; Piazza delle Erbe si sviluppo lungo la via di comunicazione tra la Valdorcia e la Valdichiana divenendo il cuore del mercato; e le Rughe come quartiere adibito esclusivamente alle attività artigianali e manifatturiere.

Montepulciano - Edifici di epoca medievale
Edifici medievali del centro storico

Ma tanta ricchezza portò presto alla nascita di numerosi conflitti tra le varie famiglie di mercanti del borgo, in lotta tra di loro per divenire i nuovi signori della città. Alla fine fu la famiglia Del Pecora che instaurò una vera e propria signoria, che ebbe termine nel 1390, anno in cui i Fiorentini occuparono la città.

Montepulciano - Palazzo del Capitano
Palazzo del Capitano in Piazza Grande

Nel Quattrocento e nel Cinquecento i fiorentini apportarono alcune modifiche all’assetto urbano con lo scopo di rinnovare il “troppo ristretto” centro storico. Piazza Grande viene ampliata e arricchita sotto la direzione dell’architetto fiorentino Michelozzo Michelozzi, ristrutturando inoltre il maestoso Palazzo Comunale. Un altro architetto molto importante, Antonio da Sangallo il Vecchio, realizzò molti palazzi signorili per le nuove famiglie nobili ed inoltre ristrutturò la vecchia fortezza ed edificò la Chiesa della Madonna di San Biagio.

Montepulciano - Piazza Grande - Cattedrale di Santa Maria Assunta
Duomo – Cattedrale di Santa Maria Asssunta

Nel Seicento la città passò sotto il dominio dei Lorena che l’arricchirono di numerose costruzioni religiose, tra cui il Duomo cioè la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la chiesa del Gesù, la Chiesa di Santa Lucia, la Chiesa di San Bernardo, la Chiesa di San Giuseppe, e la Chiesa di San Lorenzo.

Montepulciano - Particolare della facciata del duomo
Facciata del Duomo (particolare)

Dopo la bonifica della Valdichiana, e la successiva Unità d’Italia, la ricca borghesia di Montepulciano si dedicò principalmente al settore agricolo sotto la spinta dei progressi in questo settore e al suo grande sviluppo nazionale. In particolare, è grazie a questo periodo che si ebbe lo sviluppo di un mercato tutt’oggi molto fiorente, il mercato del vino.

Montepulciano - Vigneti del Vino Nobile di Montepulciano
Vigneti di Vino Nobile di Montepulciano

Piazza Grande

Il centro monumentale ed identificativo di Montepulciano è Piazza Grande. Sorge infatti nel luogo occupato dal primo insediamento abitativo di Montepulciano ed oggi ospita i monumenti più importanti della città. In epoca medievale la Piazza era di dimensioni molto più ridotte rispetto a quelle attuali. Dei palazzi dell’epoca vi è rappresentativo il Palazzo del Capitano.

Montepulciano - Palazzo comunale
Palazzo Comunale

Gli altri edifici che si affacciano sulla piazza sono invece il risultato del rinnovo urbano perpetrato nel Quattrocento e nel Cinquecento con evidenti influenze negli stili del Rinascimento fiorentino o romano. Il Palazzo Comunale, opera di Michelozzi, ci riporta infatti alla Firenze del Rinascimento, con una netta somiglianza al Palazzo della Signoria, con la sua torre la merlatura in alto.

Montepulciano - Piazza Grande - Palazzo Contucci
Palazzo Contucci – Del Monte

Di fronte al Palazzo Comunale, si erge il Palazzo Contucci-Del Monte edificato nel 1519 su progetto di Antonio Sangallo il Vecchio e poi terminato probabilmente da Baldassare Peruzzi. Questo palazzo è il classico esempio di un nuovo concetto di residenza signorile che ritroviamo anche nel Palazzo Nobili-Tarugi, con i loro rivestimenti in pietra ed un uso rigoroso di elementi decorativi.

Montepulciano - Piazza Grande - Palazzo Nobili Tarugi
Palazzo Nobili-Tarugi

A chiudere sul lato meridionale della Piazza Grande vi è il Duomo, più nota come la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Realizzata tra gli anni 1592 e 1630, questa chiesa fu eretta sul luogo dove in precedenza si ergeva l’antica pieve di Santa Maria.