Joan Miró - Il sorriso delle ali di fiamme (1953)

Joan Miró e gli estremi del surrealismo

Joan Miró aderì nel 1924 al movimento Surrealista, e con le sue numerose opere si meritò l’appellativo da parte dei suoi colleghi del “probabilmente è il più surrealista di noi tutti” (André Breton). Ancora oggi rimaniamo stupiti dalle sue opere, per la loro semplicità e allo stesso tempo complessità, creando quella forma unica ed irripetibile che ha fatto del suo stile una fonte di ispirazione per gli artisti a venire.

Max Ernst dal dadaismo al surrealismo – l’innovatore dell’arte moderna

Max Ernst fu uno dei pittori più famosi del XX secolo, grazie alle sue numerose innovazioni nel mondo dell’arte moderna. Nato a Brühl in Germania nel 1891, il suo talento si sviluppò sotto le influenze dell’espressionismo e del dadaismo, ma quando si trasferì a Parigi (1922),  si mostrò immediatamente come uno dei più eminenti rappresentanti dell’arte surrealista.

Frida Kahlo – la donna esistenziale nel surrealismo delle sue opere

Frida Kahlo, pittrice messicana, è stata una tra le più importanti artiste del XX secolo. All’età di 18 anni subì un grave incidente automobilistico che la costrinse a passare la vita distesa su un letto. Questo evento sconvolse la sua vita con forti impatti sul piano sia fisico che psicologico. Rinchiusa nella “prigione” del suo letto, Frida cominciò a dipingere, riportando in molti dei suoi dipinti molti elementi della sua tragica condizione.

Aker Brygge di Oslo - vista del Kvadraturen sulla sponda opposta

Kvadraturen e Christiania – il cuore antico di Oslo tra fortezze, castelli e antiche abitazioni

Nella sua storia, la città di Oslo ha conosciuto moltissime vicissitudini che hanno sconvolto il centro urbano della città, tanto da essere ricostruita nuovamente come Christiania e poi ridiventare la Oslo capitale. L’antico spirito medievale della città è oggi rappresentato e custodito all’interno del castello di Akershus Slott, una possente fortezza nel centro del Kvadraturen, che da secoli si erge a difesa della città dalle invasioni provenienti dal mare.

Aker Brygge di Oslo

Aker Brygge – il nuovo quartiere di Oslo dove armonia, mare e architettura sono sinonimi

Nel centro di Oslo, esiste da pochi anni un nuovo quartiere che si affaccia direttamente sul mare: l’Aker Brygge. Questo quartiere  all’avanguardia, dove uffici, edifici residenziali, negozi, centri commerciali, giardini e banchine per lasciare le barche si intrecciano in un’armonia incredibile. Il perfetto equilibrio tra mare, luce e spazi aperti, la geometria dinamica delle architetture rendono questo quartiere un nuovo spazio umano certamente da cui prendere spunto. 

Oslo - Karl Johans Gate m

Karl Johans Gate – il viale reale di Oslo

Karl Johans Gate è un immenso e splendido viale al centro di Oslo, frequentato ogni giorno sia da numerosi turisti che dai cittadini stessi, che trascorrono qui le ore serali, degustando birra in qualche locale. Cuore della capitale norvegese, lungo la sua via si ergono monumenti importantissimi come il parlamento, l’Historik Museum, la galleria nazionale, il teatro nazionale, e l’università. In fondo al viale si erge il Palazzo Reale circondato da un immenso giardino ricco di laghetti.

Passeggiando per Siviglia – il quartiere di El Arenal

El Arenal è un quartiere di Siviglia ben definito: da una parte vi è il fiume Guadalquivir, e sulle cui sponde padroneggia la famosa Torre del Oro, una magnifica costruzione del XIII secolo, dall’altra l’Avenida de la Costitucion, la via centrale di Siviglia. Originariamente era un cantiere navale, poi deposito per le polveriere, oggi è uno dei quartieri più affascinanti della città di Siviglia.

granada - vista dal generife

Un viaggio a Granada: tra l’Alhambra, il Generalife e l’Albaicin

La vecchia città di Granada si trova alle pendici della Sierra Nevada in Andalusia. Nel XIII secolo questa città rappresentava uno dei centri culturali più fiorenti di tutto il bacino mediterraneo. Sotto i Nasridi infatti, la città fu la meta di moltissimi dotti e scienziati che insieme a mercanti di tutte le culture ed artigiani di altissimo livello, resero questa città il più importante centro culturale d’Occidente.

Cordova - Il puente romano sul fiume Guadalquivir

Cordova – la Mezquita ed il ponte sul Guadalquivir nel cuore dell’Andalusia

Cordova è una città nell’interno dell’Andalusia che sorge su di un’ansa del fiume Guadalquivir. Fu un’importante centro abitato nel periodo romano grazie al suo magnifico ponte sul fiume Guadalquivir. Questo permetteva infatti ai carri pieni di merci preziose di poter attraversare questo grande fiume indenni e quindi di conseguenza Cordova si arricchì diventando un importante snodo commerciale che portava dal mare alle regioni più interne della Spagna. Durante la dominazione araba, la sua importanza non diminuì, e i sultani dell’epoca edificarono una grandissima moschea, la Mezquita, che ancora oggi è possibile ammirare e che rappresenta uno dei più grandi capolavori architettonici dell’intera Spagna.